ASSOCIAZIONE ESPOSTI AMIANTO
Monfalcone

CARICO SOSPESO
Coordinamento Franco Cicciarella per i diritti ad un lavoro sicuro

PIRATES FOR A BETTER WORLD
Comunità dipendenti e famigliari Ineos Films Monfalcone
L’Associazione Esposti Amianto di Monfalcone, L’Associazione Carico Sospeso e l’Associazione Pirates for a better world hanno redatto questo documento per raccogliere una serie di istanze riguardanti:

a. la tutela della salute dei lavoratori esposti a malattie professionali,
b. la sicurezza delle persone sui luoghi di lavoro
c. il diritto al lavoro e contro ogni forma di precarietà.

Gli iscritti alle tre associazioni chiedono ai candidati al Consiglio regionale e al Parlamento della Repubblica un impegno puntuale, attivo e permanente finalizzato all’adempimento dei bisogni espressi in questo documento:

a. la situazione epidemiologica e le previsioni di mortalità a causa dell’esposizione all’amianto per i prossimi decenni rendono indifferibile l’adozione di provvedimenti socio sanitari adeguati mirati alla diagnosi precoce, al trattamento medico e a progetti di cure specifiche per il mesotelioma della pleura (Centro di eccellenza in Monfalcone). La legge regionale 22/2001 deve essere adeguata al più presto a fronte dell’esplodere dell’emergenza amianto -divenuta ingestibile- a più di otto anni dall’esecutività della legge medesima. Inoltre, deve essere ripristinata la legalità e l’efficacia della L.r. 22/2001 che, a seguito del mancato finanziamento della legge e del golpe intentato dai burocrati dell’Assessorato regionale alla sanità che hanno privato di rappresentanza i comprensori più colpiti, è venuta a mancare rendendo meno efficace la legge e tradendo lo spirito con cui era stata approvata all’unanimità.

b. Le attuali condizioni di lavoro richiedono in modo inderogabile che venga garantita una formazione comune e condivisa alla sicurezza, attraverso corsi interaziendali fruibili da tutti i lavoratori, anche stranieri e/o appartenenti a diverse realtà lavorative (es cooperative). E’ necessario il potenziamento dei servizi adibiti a controllo e prevenzione, come la Medicina del Lavoro, in modo da garantire ai lavoratori un costante aggiornamento e formazione specifica, con particolare riferimento ai fattori di rischio caratteristici dei diversi ambienti lavorativi e del territorio di appartenenza. Le figure incaricate e responsabili della sicurezza dei lavoratori devono essere libere di agire in autonomia e indipendenza, al di fuori da ogni possibile conflitto di interessi con il datore di lavoro. In merito all’informazione che i media diffondono sul tema della sicurezza, è indispensabile fornire una documentazione costante, puntuale e corretta sulla situazione della realtà lavorativa di appartenenza, sull’impegno politico, delle parti sociali, delle associazioni al fine di fornire strumenti critici di pensiero che permettano alla società civile di partecipare e sostenere in modo attivo una cultura della sicurezza.

c. la chiusura di realtà produttive efficienti e produttive causata dalla leggerezza e dall’incompetenza di alcuni amministratori pubblici locali e da scellerate scelte finanziarie e industriali di deve cessare definitivamente su tutto il territorio regionale per mezzo di norme e leggi che impediscano alle imprese speculazioni immobiliari, delocalizzazioni ingiustificate e uso disinvolto di risorse pubbliche. Inoltre, gli amministratori pubblici a cui le Amministrazioni comunali e provinciali, la Giunta e il consiglio regionale affidano la gestione dell’economia locale devono essere scelti in relazione alle competenze, alla professionalità e alla moralità, evitando in ogni modo sovrapposizioni di competenze e situazioni di possibile conflitto di responsabilità e di interessi. Infine deve essere sancita per legge la mobilità diretta dal comparto privato a quello pubblico nei casi in cui vi sia stato concorso da parte della pubblica amministrazione nel determinare cancellazioni di posti di lavoro.

L’Associazione Esposti Amianto di Monfalcone, L’Associazione Carico Sospeso e l’Associazione Pirates for a better world consegnano questo documento a tutti i candidati al Consiglio regionale e al Parlamento della Repubblica chiedendone l’adesione e la presa in carico di ogni impegno richiesto.
Le tre Associazioni, ad insediamento avvenuto, chiedono di incontrare gli eletti, entro e non oltre il mese di settembre 2008, per la discussione di tutti i punti e la consegna di un documento coerente e più dettagliato del presente.

I Presidenti delle tre associazioni:

Rita Nardi Nadalino
Associazione esposti amianto Monfalcone

Emilio Ciciarella
Carico Sospeso. Coordinamento Franco Cicciarella per i diritti ad un lavoro sicuro

Olimpia Valentini
Pirates for a better world (comunità dei dipendenti e familiari Ineos films Monfalcone)

Venerdì, 4 aprile 2008

Annunci