Il Piccolo, 28 giugno 2008 
 
GRADUATORIA  
Case Ater, 106 domande ma pronti solo 5 alloggi  
Sono state 18 le persone escluse. Ancora scarsa la disponibilità di appartamenti
 
 
RONCHI Attesa da tempo, è stata finalmente emessa in questi giorni la graduatoria per l’assegnazione di alloggi a Ronchi da parte dell’Ater. Sono state 106 le domande accolte dal presidente Roberto Grion, mentre altre 18 sono state escluse perché prive dei requisiti richiesti. Ed ora si sviluppa tutto l’iter previsto in casi come questo, con la pubblicazione all’albo del palazzo municipale e la possibiltà di ricorrere alle decisioni assunte. E se l’assessore alle politiche sociali Enrico Masarà parla di una prima risposta all’esigenza primaria che è quella di una casa, non è che il patrimonio di Ater e Comune brilli in fatto di disponibilità di alloggi. Attualmente, infatti, ce ne sono solo 5 disponibili. In città, su un totale di 302 di alloggi di edilizia residenziale pubblica, 21 risultano sfitti: 13 collocati nel quartiere delle Casette Pater, gli altri 8 in altre zone della città. Troppo pochi per soddisfare le tante richieste. E solo nel febbraio prossimo sarà aperto, in via Matteotti, il cantiere per la costruzione di 10 alloggi che, comumque, saranno messi a disposizione dei residenti nel rione delle case Pater una volta che saranno avviati i lavori di ristrutturazione urbanistica del quartiere. Così come deciso dal Consiglio comunale già nell’aprile dello scorso anno, l’amministrazione comunale di Ronchi ha ceduto all’Ater un terreno di sua proprietà in via Matteotti, la cui estensione è di 1.925 metri quadrati. Costo dell’opera circa 200mila euro. (lu.pe.)