Il Piccolo, 29 marzo 2009 
 
Oggi il via al trasloco del rifugio degli animali 
 
Oggi «La Cuccia» di Monfalcone inizia il trasloco. Definitivo. L’associazione abbandonerà così la sua storica sede, ormai fuori legge e quindi non più utilizzabile, e prenderà possesso del nuovo spazio messo a disposizione a Staranzano dal Consorzio di bonifica. Le chiavi della nuova casa sono state consegnate alle responsabili dell’associazione qualche giorno fa, e oggi inizia il trasferimento delle strutture. Solo che le operazioni non sono così semplici come pare. Prima di tutto, sarà necessario installare un recinto tutto attorno alla zona, specialmente per impedire che i gatti, portati in una zona del tutto nuova, non tentino la fuga. «C’è il problema che proprio vicino alla casa c’è un’idrovora – spiega Laura Grassi, la presidente della Cuccia – e quindi i gatti, se spaventati dal rumore, potrebbero anche infilarsi nel meccanismo e finire schiacciati». Ecco quindi l’importanza di mettere prima la struttura in sicurezza. Solo che, ancora una volta, sono proprio i volontari a dover sostenere tutti i costi. «A parole ci era stato indicato che un aiuto sarebbe arrivato – spiega ancora la presidente della Cuccia – ma in realtà ancora una volta siamo noi a doverci sobbarcare le spese». Così i volontari anticiperanno i costi di realizzazione del reticolato, per poi eventualmente venire rimborsati, conme sperano, dagli sponsor privati.

Il Piccolo, 31 marzo 2009 
 
PROTEZIONE ANIMALI 
Monfalcone, i volontari allestiscono la nuova sede della «Cuccia»
 
 
È partita, domenica, la sistemazione della sede della Cuccia, con la pulizia della «casa» tra Staranzano e Monfalcone, che presto ospiterà l’associazione, anche se restano delle questioni da risolvere, in particolare quelle riguardanti la sistemazione del recinto, che dovrà essere effettuata quanto prima per mettere in sicurezza gli animali. Con la pulizia di ieri, la Cuccia ha iniziato ufficialmente il suo spostamento dalla vecchia sede alla nuova. «In realtà i lavori da fare nell’edificio non sono molti – spiega la presidente dell’associazione, Laura Grassi – perchè bastano un po’ di pulizia, qualche pennellata e la posa del linoleum, che abbiamo appena acquistato. Il problema principale è quello della recinzione, che deve essere assolutamente risolto prima di spostare gli animali». Tutto viene fatta a spese dei volontari della Cuccia, che si sono autotassati per l’occasione. «Grazie all’interessamento del Consorzio di bonifica sarà possibile sistemare la struttura a breve – spiega ancora la presidente – mentre stiamo aspettando l’intervento del Consorzio industriale che dovrebbe fornire un container per la sistemazione dei gatti esterni». Ci vorrà quindi ancora un po’ di tempo per far sì che il rifugio sia operativo nella sede nuova. Ma i cittadini di Monfalcone sono già mobilitati. «Chiederemo l’aiuto di tutti al momento della demolizione – spiega ancora Laura Grassi – visto che altrimenti dovremmo far ricorso al Comune e pagare l’intervento. Già ora tutti i fondi delle offerte sono stati dirottati su questo intervento. Per fortuna, c’è molta sensibilizzazione». L’ultima in ordine di tempo è stata la mostra organizzata alle Antiche Mura dall’associazione Nonsoloblu. «Proprio ieri ci sono stati consegnati i fondi raccolti dalle offerte – spiega ancora Laura Grassi – e quindi il nostro grazie va alla presidente, Flavia Benussi e a tutti gli artisti che hanno partecipato». (e.o.)

Il Piccolo, 20 aprile 2009 
 
NELLA NUOVA SEDE DI STARANZANO  
”Cuccia”, si complica il trasloco  
Si cercano vecchie roulotte per ospitare temporaneamente cani e gatti
 
 
Sembrano non finire mai, per il rifugio degli animali «La Cuccia» di Monfalcone i problemi relativi al trasferimento nella nuova sede di Staranaznao. A mancare ora è un container che serviva per dare assistenza a cani e gatti e che era stato messo a disposizione dal Consorzio per lo sviluppo industriale. Purtroppo il container è troppo grande per il recinto della nuova sede, e quindi risulta inutilizzabile. Solo che la prossima settimana la «Cuccia» inizierà il trasferimento degli animali ed è quindi alla disperata ricerca di qualche altro supporto. «Cerchiamo, entro domani una o due roulotte dismesse in cui poter ospitare temporaneamente gli animali – spiega la presidente della Cuccia, Laura Grassi – e quindi invitiamo chi ha una vecchia roulotte inutilizzata, che sta pensando di eliminare, di contattarci perchè a noi serve urgentemente». Per informazioni ci si può rivolgere alla «Cuccia» (telefono 0481 480922), appure a Laura Grassi (3383515362) o a Michela (3492309169). Poi, come detto, con le prossime settimane l’associazione comincerà il trasloco degli animali dalla vecchia sede di via dei Boschetti nella nuova sede trovata grazie all’interessamento del Consorzio di bonifica che ha anche fornito la manodopera per montare il recinto, senza il quale la nuova «Cuccia» sarebbe inutilizzabile.