Il Piccolo, 05 gennaio 2010 
 
NESSUN VUOTO NELLA GESTIONE DELL’IMPORTANTE REPARTO DELL’OSPEDALE  
Sanità, cambio al vertice in Chirurgia  
Marco Barone sostituirà Cristiano Finco fino alla nomina del primario effettivo 
Il direttore sanitario Andrea Collaretta nominato al vertice dell’Azienda sanitaria isontina al posto di Roberto Ferri chiamato alla direzione regionale
 
 
di LAURA BORSANI

Marco Barone, 48 anni, è il responsabile facente funzioni del reparto di Chirurgia dell’ospedale San Polo. Lo ha deciso l’Azienda sanitaria isontina attraverso una specifica deliberazione, avvenuta negli ultimi giorni dello scorso anno. Il dottor Barone assume l’incarico pro-tempore, dopo le dimissioni del primario, dottor Cristiano Finco, che, a partire dal primo gennaio 2010, ha lasciato l’incarico per fare rientro in Veneto, sua regione di origine, dove andrà gestire la Chirurgia dell’ospedale di Valdagno, in provincia di Vicenza.
Per Barone questo incarico non è nuovo, avendo già assunto la gestione del reparto del San Polo in passato. Con il suo insediamento, pertanto, come peraltro era stato garantito dalla stessa direzione aziendale, la Chirurgia non subisce vuoti gestionali, mantenendo la continuità e la stabilità operativa.
Il ruolo di facente funzioni affidato al dottor Barone è frutto della procedura finalizzata alla selezione, nell’ambito dei medici chirurghi operanti nel reparto di Monfalcone, di un responsabile supplente. L’Azienda sanitaria, in seguito all’istanza di dimissioni del dottor Finco, aveva infatti provveduto a richiedere ai professionisti l’invio dei relativi curricola, ai fini delle valutazioni secondo le procedure di legge, per la scelta del medico subentrante. Contestualmente, l’Ass aveva avviato la richiesta di autorizzazione alla Regione per l’espletamento del bando di concorso ai fini della nomina del primario effettivo del reparto di Chirurgia.
L’insediamento di Marco Barone giunge in una fase di transizione per l’Ass Isontina, considerando che il direttore generale, Roberto Ferri, ha concluso il suo mandato alla guida dell’azienda il 2 gennaio. Il dottor Ferri, dopo aver maturato una lunga e positiva esperienza alla guida anche dell’Ass 5 della Bassa friulana, ritorna alle mansioni proprie delle sue ”origini professionali”, assumendo l’incarico nell’Area prevenzione e promozione della salute della direzione regionale, a Trieste.
A sostituire il dottor Ferri è stato indicato, sempre nel solco delle direttive legislative e in qualità di dirigente più anziano, il dottor Andrea Collaretta, direttore sanitario della stessa Ass 2 Isontina. Anche in questo caso, si tratta di un incarico pro-tempore, quale facente funzioni, in attesa della nomina del nuovo direttore generale.
Il reparto di Chirurgia del San Polo, dunque, procede regolarmente, rientrando in un percorso opportunamente programmato. Lo stesso iter era stato messo in campo anche per la scelta del responsabile facente funzioni di Oculistica. Per quanto riguarda il concorso, come aveva spiegato il dottor Ferri, i tempi tecnici si aggirano attorno ai tre-quattro mesi. Con ciò ipotizzando che il reparto di Chirurgia del San Polo possa avere il suo primario titolare prima della stagione estiva.
Con la gestione del dottor Finco, il reparto ha vissuto un’evidente rilancio. Lo attestano i dati di fine mandato 2009, a fronte di 1050 interventi chirurgici. Nel 2007 gli interventi erano stati 840. Oltre 100 sono stati i pazienti oncologici, 7 invece quelli operati nel 2007. Le endoscopie eseguite sono state 2500, 700 in più rispetto alla gestione precedente.
Al fine di garantire tempestivamente la continuità del reparto, i medici chirurghi, ma anche l’intero personale operante in Chirurgia avevano peraltro richiesto formalmente all’amministrazione ospedaliera di nominare proprio il dottor Marco Barone, superando la fase della presentazione degli stessi curricola. Una risposta corale e di responsabilità, espressa dal reparto, che aveva suscitato l’apprezzamento della direzione ospedaliera, pur dovendo attenersi alle necessarie procedure di legge.