Il Piccolo, 07 giugno 2010
 
DOMANI L’INAUGURAZIONE TRA VIA STOPPANI E VIA ZAPPATA 
Nasce la prima ”zona franca” per cani

Sarà inaugurata domani alle 17, presenti il vicesindaco Silvia Altrane e l’Assessore Giordano Magrin, la prima area libera di proprietà comunale da adibire a giardino per cani, tra via Stoppani e via Zappata.
L’area è stata realizzata su espressa richiesta di alcuni abitanti del Rione Aris – San Polo. Sarà una sorta di ”zona franca” in cui i cani – oltre duemila in città – potranno scorazzare a loro piacimento, senza i vincoli vigenti quando invece sono a spasso con i loro padroni per la città. In molte città i giardini per i cani sono una realtà da decenni. In provincia si tratta del primo caso, grazie alla sensibilità di una trentina di abitanti del quartiere di Aris, stanchi di incontrare sempre maggiori difficoltà per consentire ai loro ”quattro zampe” di starsene un po’ liberi, anche se controllati.
L’area è stata attrezzata a dovere dagli operai dei Servizi tecnici del Comune: una zona di prato circa 200 metri quadrati, collocata tra via Stoppani e via Zappata, è stata recintata e attrezzata per ospitare gli animali e i loro padroni. Vi sono state sistemate due panchine e dei cestini portarifiuti che serviranno anche a rimuovere le deiezioni che, inevitabilmente, ci saranno. Solo in un secondo momento sarà pure realizzata una fontanella a misura di cane. Costava troppo (circa 4000 euro) e quindi il Comune ha deciso di affrontare la spesa successivamente, anche con il contributo di Irisacqua.
A breve il giardino per cani di via Zappata sarà duplicato in via Fermi, dove l’ultimazione dell’area verde è in via di ultimazione, dopo lo smantellamento dei due campi di calcetto, utilizzati fino a qualche anno fa.
Il Comune ha voluto quindi sfruttare questi spazi per creare un’area protetta e attrezzata per i cani in una zona della città densamente popolata e dove la residenza è concentrata in condomini privi, spesso, di spazi verdi.
Anche l’area di via Fermi è in avanzato stato di esecutzione, visto che di recente, è stata demolita la platea di cemento dei campi di calcetto e l’area è già stata seminata per crearvi un manto erboso.
Monfalcone era già assurta, anni fa, alle cronache per la creazione di un primo spazio aperto ai cani nella spiaggia di Marina Julia, dove sorgeva la concessione ”La Playa”.
L’esperienza, però, non durò che una stagione. E da anni, ormai, l’accesso alla spiaggia di Marina Julia e del Lido di Staranzano è vietata ai ”quattro zampe”, pena sanzioni anche salate ai proprietari che non osservano il divieto. L’iniziativa del quartiere di Aris, quindi, non può che essere vista con favore.

Il Piccolo, 09 giugno 2010
 
UN MINI-PARCO PER I CANI 
Inaugurata la prima area riservata ai quattrozampe
L’auspicio è di riservare agli amici dell’uomo anche un pezzo di spiaggia

È nata a Monfalcone la prima ”zona franca” per i cani, un giardinetto di duecento metri quadri dove i quattrozampe possono circolare liberi, naturalmente sotto il controllo dei loro padroni per evitare ”risse”, e in futuro anche abbeverarsi a una fontanella, senza vincoli di guinzagli, museruole o vigili pronti a sanzionare i proprietari nel caso di deiezioni non rimosse su aiuole o marciapiedi. Monfalcone, dove i cani censiti sono circa duemila – uno ogni tredici persone – si pone quindi all’avanguardia quanto meno in provincia. Presto infatti il giardino inaugurato ieri ad Aris, all’angolo tra le vie Zappata e Stoppani, dal vicesindaco Silvia Altran e dall’assessore Giordano Magrin, avrà un clone in via Fermi, andando a occupare la zona dei vecchi campi di calcetto, già smantellati. L’area è stata realizzata su espressa richiesta di alcuni abitanti del rione di Aris–San Polo sull’esempio di innumerevoli città estere molto attente alle esigenze dei quattrozampe. Ieri il giardino è diventato operativo a tutti gli effetti. Il vicesindaco Altran e l’assessore Magrin hanno espresso soddisfazione per questa realizzazione, davanti ai primi utenti dello spiazzo, una decina di animali che, nell’occasione, si sono comportati molto bene dando il meglio di sè.
L’area, attrezzata dagli operai dei Servizi tecnici del Comune, è di circa 200 metri quadrati, recintata e attrezzata per ospitare gli animali e con alcune panchine per i loro padroni. Fra breve arriverà anche una fontanella a misura di cane con il contributo di Irisacqua. A breve il giardino per cani di via Zappata sarà duplicato in via Fermi, una zona densamente popolata dove la residenza è concentrata in condomini privi di spazi verdi e quindi abbastanza inospitali per gli animali domestici. Sarebbe ora interessante ampliare questa possibilità anche alle spiagge di Monfalcone, magari quelle più periferiche dove ancora la possibilità di condurre i cani è preclusa e le sanzioni previste per coloro che non osservano il divieto sono salate.
Una decina di anni fa Monfalcone era stata al centro delle cronache proprio per aver riservato uno spazio aperto ai cani e ai loro padroni a Marina Julia, nella concessione ”La Playa”, attualmente chiusa e inutilizzata. L’esperienza, però, non durò che una stagione.