Il Piccolo, 28 ottobre 2010 
 
LA FEDERAZIONE RACCOGLIE L’APPELLO DEI BENGALESI 
«Siamo pronti ad aiutare la città a fondare una società di cricket»

La Federazione italiana cricket è pronta a sostenere in modo ufficiale la nascita di una squadra a Monfalcone. Questa estate i giocatori del Bangladesh avevano invitato gli italiani ad unirsi a loro e avevano chiesto all’amministrazione comunale di poter usufruire di uno spazio adeguato per praticare questa disciplina diffusa soprattutto nell’area del Commonwelth. Il presidente nazionale della Fcri, Simone Gambino, da un lato accoglie l’invito dei bengalesi, dall’altra ribalta la prospettiva. «Sono a disposizione di chiunque voglia affrontare il discorso in modo serio e senza demagogia. Sono prronto a venire a Monfalcone per parlare di quello che si può fare e come farlo. Situazioni come le vostre ce ne sono moltissime. Da quello che ho potuto leggere nella rassegna stampa che mi è arrivata il vicesindaco mi sembra attivo. La federazione è disponibile ad aiutarvi. Poche parole, ma tanta concretezza».
Il presidente Gambino premette alcuni passaggi necessari. «Per prima cosa andrebbe creata una società, poi andrebbe scelta la rosa. Si gioca in 11 e per giocare un campionato una squadra ha bisogno di 15 giocatori. Quindi andrebbe fatta una scrematura».
Affiliate alla Federcricket al momento in Friuli Venezia Giulia ci sono solo due società: il Pasian di Pordenone e il Pordenone. La prima gioca in serie C (la categoria più bassa), la seconda è iscritta, ma ancora non è attiva.
«La serie C si disputa in due fasi. A un girone interregionale a quattro squadre segue la final-four. L’impegno è di 3 o 5 partite e il campionato è quasi un torneo Uisp che si può giocare anche su un campo esterno. L’attività si svolge tra metà maggio e metà luglio a settimane alterne. Il tesseramento dei giocatori richiede solo un certificato medico e, per gli stranieri, il permesso di soggiorno valido».
Quanto ai 1000 euro dell’iscrizione della squadra, Gambino ricorda: «Per chi nelle trasferte è costretto a percorrere più chilometri della media ci sono i rimborsi chilometrci», Di fatto per alcune società, la partecipazione diventa gratuita.
Per informazioni si può consultare il sito internet www.crickitalia.org. (s.b.)