You are currently browsing the category archive for the ‘Lanci agenzie’ category.

INCIDENTI LAVORO: MORTO FINCANTIERI, DRAMMA E PROTESTE
SCHIFANI: RABBIA E SGOMENTO; BONO: CREEREMO UN POOL D’ESPERTI

(ANSA) – TRIESTE, 16 OTT – Tra dramma, mobilitazione e proteste: così è stata vissuta la giornata di oggi alla Fincantieri di Monfalcone (Gorizia) dove ieri sera, in un incidente a bordo della ‘Ruby Princess’, nave di 116mila tonnellate di stazza, pronta per essere consegnata alla società armatrice, ha perso la vita un operaio impegnato nella verifica della chiusura delle porte ‘taglia fuocò della nave. Il dramma e la rabbia sono stati in primis del presidente del Senato, Renato Schifani, che sabato avrebbe dovuto partecipare alla cerimonia di consegna della nave annullata dopo la tragedia. «Il ripetersi di questi drammatici eventi è un prezzo troppo alto, uno stillicidio inaccettabile – ha detto Schifani – e occorre che tutte le istituzioni e le forze sociali proseguano con determinazione nell’impegno comune per attuare tutte le azioni necessarie al fine di contare il minor numero possibile di caduti in questa terribile e quasi quotidiana strage». Anche i sindacati e le Rsu – che hanno subito indetto due ore di sciopero in tutti gli stabilimenti Fincantieri (otto in quello di Monfaclone, con un corteo al quale hanno partecipato più di duemila persone) – hanno alzato la voce accusando la mercificazione del lavoro e ricordando che «sul problema della sicurezza sui luoghi di lavoro si fa ancora troppo poco». L’ad di Fincantieri, Giuseppe Bono, giunto a Monfalcone da Venezia, ha lanciato un vero e prioprio appello. «Affinchè questi incidenti non accadano più – ha detto – creeremo un pool di esperti, d’intesa con il sindacato e con le istituzioni pubbliche, che elaborerà un grande progetto per affrontare il tema della sicurezza, con la mobilitazione di tutti». Intanto due inchieste – una interna e una della Procura della Repubblica di Gorizia – sono state aperte per fare chiarezza sull’ incidente. Secondo i primi risultati, l’operaio – Mauro Sorgo, di 43 anni, di Staranzano (Gorizia) – avrebbe azionato una porta a tenuta stagna che era chiusa per la prova in corso. Non è chiaro, a quel punto, che cosa sia successo. L’operaio ha aperto la porta rimanendo però schiacciato nel tentativo di passare dall’altra parte. Quello di Monfalcone non è stato l’unico morto di oggi sul lavoro. A Vittorio Veneto (Treviso) un agricoltore è rimasto schiacciato dal trattore che stava guidando, mentre nel Bergamasco un operaio di 54 anni è rimasto gravemente ferito dopo essere precipitato da un’altezza di oltre tre metri in un cantiere edile. (ANSA). 16 ottobre ore 19:57

FINCANTIERI: RSU TRIESTE, DUE ORE DI SCIOPERO PER MORTE OPERAIO

(Adnkronos) – TRIESTE, 16 OTT – A seguito dell’infortunio costato la vita a Sorgo ieri sulla nave Ruby Princess, nello stabilimento Fincantieri di Monfalcone, la Rsu Fincantieri di Trieste ha indetto per oggi, «sulla base di quanto deciso da Fim, Fiom e Uilm nazionali, uno sciopero nelle ultime 2 ore di lavoro». «Sull’incidente – prosegue la Rsu – pretendiamo che gli organi inquirenti facciano piena luce e vengano sanzionati gli eventuali responsabili». La Rsu del Palazzo della Marineria, «esprime innanzi tutto il proprio dolore alla famiglia e ai compagni di lavoro. Rileva come il problema degli infortuni, oggi in costante aumento, debba essere affrontato in maniera seria con specifiche iniziative senza badare a tempi e costi. Molte volte questi drammatici e terribili eventi sono il frutto di una esasperata rincorsa al profitto e vanno contro i diritti e la dignità degli esseri umani». (Afv/Zn/Adnkronos) 16 ottobre ore 19:53

INCIDENTI LAVORO:MORTO FINCANTIERI; APERTE DUE INCHIESTE

(ANSA) – MONFALCONE (GORIZIA), 16 OTT – Sono due – una interna e una della Procura delle Repubblica di Gorizia – le inchieste aperte per fare luce sull’incidente nel quale ieri sera è morto un operaio che lavorava sulla nave ‘Ruby Princess’ negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone (Gorizia). Secondo i primi risultati, l’operaio – Mauro Sorgo, di 43 anni, di Staranzano (Gorizia) – con altri due colleghi formava una squadra, che doveva stare sempre unita, addetta – insieme ad altro personale tecnico – al controllo degli impianti che azionano le centinaia di porte ‘taglia fuocò, a tenuta stagna, di cui la nave è dotata. Una prova e una verifica obbligatoria, che si fa prima di ogni consegna e che era stata annunciata per tutta la giornata (e durante la prova stessa) con gli altoparlanti della nave e con segnalazioni visive e sonore. Per motivi imprecisati, Sorgo si è allontanato dai colleghi andando ad azionare una di queste porte a tenuta stagna che era chiusa per la prova in corso. Non è chiaro, a quel punto, che cosa sia successo. L’operaio ha aperto la porta rimanendo però schiacciato nel tentativo di passare dall’altra parte. A quel punto è scattato l’allarme. I soccorsi sono stati immediati, ma per l’operaio era ormai troppo tardi. (ANSA). 16 ottobre ore 18:32

INCIDENTI LAVORO: MORTO FINCANTIERI; RSU,PUNIRE RESPONSABILI

(ANSA) – TRIESTE, 16 OTT – Le Rsu della Fincantieri di Trieste chiedono che sull’incidente sul lavoro che ha causato un morto, ieri sera, nel cantiere di Monfalcone (Gorizia), «gli organi inquirenti facciano piena luce e vengano sanzionati gli eventuali responsabili». Le Rsu Fincantieri esprimono «il proprio dolore alla famiglia dell’operaio morto e ai compagni di lavoro» e rilevano come il problema degli infortuni, oggi in costante aumento, «debba essere affrontato in maniera seria con specifiche iniziative senza badare a tempi e costi». «Molte volte questi drammatici e terribili eventi sono il frutto di un’esasperata rincorsa al profitto – hanno detto le Rsu – e vanno contro i diritti e la dignità degli esseri umani». (ANSA). 16 ottobre ore 17:09

FINCANTIERI: BONO, LANCEREMO GRANDE PROGETTO PER SICUREZZA

(Adnkronos) – GORIZIA 16 OTT – «Noi considereremo, io considererò, la sicurezza una priorità per l’azienda. Penso che lanceremo un grande progetto dove assoceremo i maggiori esperti di sicurezza, i nostri, il sindacato, perchè questo problema deve essere risolto». Lo ha detto l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, accorso allo stabilimento Fincantieri di Monfalcone (Gorizia), dopo l’infortunio sulla nave Ruby Princess costato la vita a Mauro Sorgo, schiacciato ieri da una porta stagna. (Afv/Zn/Adnkronos) 16 ottobre ore 16:31

INCIDENTI LAVORO:ANCI CANCELLA CERIMONIA SU NAVE FINCANTIERI

(ANSA) – TRIESTE, 16 OTT – Non si svolgerà a bordo della nave da crociera «Ruby Princess» della Fincantieri, a Monfalcone (Gorizia), la giornata inaugurale dell’assemblea nazionale dell’Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani), mercoledì 22 ottobre. La decisione – riferisce una nota diffusa a Trieste – è stata presa dopo l’incidente che è avvenuto ieri sera proprio sulla nave e nel quale un operaio è morto. I lavori dell’assemblea, che si concluderanno sabato 25, si svolgeranno tutti a Trieste, nelle strutture allestite all’altezza del Molo Quarto. (ANSA). 16 ottobre ore 15:00

INCIDENTI LAVORO: MORTO FINCANTIERI; UGL, BASTA MORTI

(ANSA) – TRIESTE, 16 OTT – «Basta morti sul lavoro. Occorre investire in prevenzione»: lo ha affermato Alessandro Zupin, coordinatore nazionale Ugl Fincantieri dopo la morte di un operaio in un infortunio sul lavoro avvenuto ieri sera nello stabilimento di Monfalcone (Gorizia). «Lo sciopero di stamattina alla Fincantieri di Monfalcone – ha spiegato Zupin – ha lo scopo di dire basta alle morti sul lavoro». «Finchè prevarrà la sola logica del profitto a scapito dell’umanità nei confronti dei lavoratori – ha evidenziato Zupin – la situazione non potrà che peggiorare. I tempi di lavoro sempre più stringenti e le condizioni ambientali sempre più carenti, non possono che produrre tragedie come quella avvenuta ieri». «Occorre da subito – ha sottolineato Zupin – investire in maggiore sicurezza, migliorare le condizioni di lavoro, agire sulla prevenzione, che rimane l’obiettivo primario, perchè solo puntando su questi aspetti si possono evitare le morti sul lavoro e allo stesso tempo migliorare la produttività. Ora – ha concluso – ci vogliono i fatti».(ANSA). 16 ottobre ore 14:07

FINCANTIERI: CREMASCHI (FIOM), SCIOPERO CONTRO NUOVO INCIDENTE MORTALE

(Adnkronos) – ROMA, 16 OTT – «Ancora una volta, al di là delle dichiarazioni, degli impegni, dei programmi, si muore di lavoro». Lo ha detto Giorgio Cremaschi, segretario nazionale Fiom-Cgil commentanto il nuovo incidente mortale nello stabilimento di Fincantieri a Monfalcone a cui va la solidarietà delle tute blu della Cgil. «Tutti gli stabilimenti della Fincantieri sono in sciopero. A Monfalcone lo stabilimento è fermo e i lavoratori sono scesi in corteo per la città. La Fiom sostiene tutte le mobilitazioni in corso, mentre assieme a Fim e Uilm ha proclamato 2 ore di sciopero in tutto il gruppo per la giornata di venerdì 17 ottobre», spiega nel dettaglio annunciando che il sindacato si «costituirà parte civile contro Fincantieri per chiedere che siano accertate e punite severamente tutte le responsabilità». Per la Fiom infatti, è evidente che «siamo di fronte ad un sistema lavorativo che, al di là degli impegni formali, non prevede o trascura la sicurezza». «Negli ultimi giorni, nell’industria metalmeccanica, c’è stata una tragica ripresa degli infortuni mortali. È il segno questo che tutte le dichiarazioni ottimistiche, ultima quella dell’Inail, che sono state fatte in questi giorni sono sbagliate e fuorvianti, in quanto fanno abbassare la guardia rispetto ad una situazione che resta invece di gravità eccezionale», conclude. (Sec-Tes/Gs/Adnkronos) 16 ottobre ore 13:27

FINCANTIERI: UGL, BASTA MORTI SUL LAVORO INVESTIRE IN PREVENZIONE

(Adnkronos) – ROMA, 16 OTT – «Lo sciopero di stamattina alla Fincantieri di Monfalcone ha lo scopo di dire basta alle morti sul lavoro». Lo dichiara Alessandro Zupin, coordinatore nazionale Ugl Fincantieri, dopo la morte sul lavoro di Mauro Sorgo, avvenuta ieri nello stabilimento dove subito dopo l’incidente l’Ugl ha indetto uno sciopero di 8 ore dalle 22 di ieri. Alla mobilitazione di stamattina, a cui hanno partecipato anche le Rsu Ugl dell’Ansaldo, farà seguito, sempre nella giornata di oggi, uno sciopero di due ore in tutti gli stabilimenti Fincantieri presenti sul territorio nazionale. «Finchè prevarrà la sola logica del profitto a scapito dell’umanità nei confronti dei lavoratori – spiega – la situazione non potrà che peggiorare. I tempi di lavoro sempre più stringenti e le condizioni ambientali sempre più carenti, non possono che produrre tragedie come quella avvenuta ieri». «Occorre da subito – continua – investire in maggiore sicurezza, migliorare le condizioni di lavoro, agire sulla prevenzione, che rimane l’obiettivo primario, perchè solo puntando su questi aspetti si possono evitare le morti sul lavoro e allo stesso tempo migliorare la produttività. Ora ci vogliono i fatti». (Sec/Gs/Adnkronos) 16 ottobre ore 13:19

INCIDENTI LAVORO:MORTO FINCANTIERI;SINDACATI,RABBIA E DOLORE

(ANSA) – TRIESTE, 16 OTT – «Rabbia e dolore» sono state espresse dalle segreterie provinciali di Fim, Fiom e Uilm di Gorizia per la morte dell’operaio Mauro Sorgo, deceduto ieri sera in un incidente sul lavoro avvenuto a bordo della ‘Ruby Princess’ nello stabilimento Fincantieri di Monfalcone (Gorizia). Le tre segreterie hanno evidenziato «il più sentito cordoglio» per la famiglia dell’operaio e hanno affermato che «la situazione sulla sicurezza in Fincantieri, come in altre aziende di questo Paese, è decisamente critica». «Da tempo – hanno sostenuto le tre sigle – il sindacato, sia a livello territoriale, sia nazionale, denuncia una situzione insostenibile eticamente e moralmente, un ingiustificabile prezzo in vite umane che, anche quest’anno – hanno concluso – costerà oltre mille lutti nel mondo del lavoro». «In meno di sei mesi – ha detto il segretario della Fiom di Gorizia, Thomas Casotto – sono morti due operai nei cantieri di Monfalcone e questo non deve più avvenire. Con Fincantieri vogliamo affrontare i problemi della sicurezza sul lavoro in maniera concreta. Basta con le chiacchiere», ha concluso Casotto. (ANSA). 16 ottobre ore 12:38

INCIDENTI LAVORO: MORTO A FINCANTIERI; CORTEO A MONFALCONE

(ANSA) – MONFALCONE (GORIZIA), 16 OTT – Oltre duemila persone – secondo fonti sindacali – hanno partecipato stamani, a Monfalcone (Gorizia), a un corteo organizzato da Fim, Fiom e Uilm dopo la morte di un operaio in un infortunio sul lavoro avvenuto ieri sera nello stabilimento della Fincantieri. Il corteo è partito dai cancelli Fincantieri e si è diretto verso il centro cittadino. I manifestanti mostrano striscioni e chiedono misure concrete per la sicurezza sul lavoro. Negli stabilimenti di Monfalcone di Fincantieri, dove lavorano oltre cinquemila persone (1.800 dipendenti diretti; oltre 3.000 indiretti) è in corso uno sciopero di otto ore proclamato dalle segreterie provinciali di Fim, Fiom e Uilm. Scioperi di quattro ore sono stati proclamati per oggi per tutti gli stabilimento metalmeccanici della provincia di Gorizia, mentre due ore di sciopero sono in corso in tutti gli stabilimenti del gruppo Fincantieri. Le proteste sono scattate dopo la morte di un operaio – Mauro Sorgo, di 43 anni, di Staranzano (Gorizia) – rimasto chiacciato ieri sera da una porta stagna della sala motori della nave da crociera «Ruby Princess» (116mila tonnellate di stazza) che la Fincantieri avrebbe dovuto presentare sabato prossimo all’armatore Cruises Lines. In seguito all’incidente, la Fincantieri ha annullato la cerimonia alla quale avrebbe dovuto partecipare il Presidente del Senato, Renato Schifani. (ANSA). 16 ottobre ore 11:07

INCIDENTI LAVORO:SCIOPERO IN STABILIMENTI LIGURI FINCANTIERI

(ANSA) – GENOVA, 16 OTT – Scioperi in tutti gli stabilimenti di Fincantieri in Liguria stamani dopo la morte sul lavoro di Mauro Sorgo, ieri sera, nello stabilimento di Monfalcone (Gorizia). La notizia è stata diffusa dalla Fiom-Cgil. Alla Fincantieri di Genova-Sestri Ponente i lavoratori hanno proclamato sciopero dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17. Gli operai si sono riuniti in corteo all’interno dello stabilimento contando anche sull’adesione dei dipendenti delle ditte appaltatrici ed hanno raggiunto l’edificio della direzione al grido di «Basta morti». Per oggi si prevede il blocco totale della produzione. Uno sciopero di due ore alla fine di ogni turno è stato proclamato dai lavoratori dello stabilimento del Tigullio di Riva Trigoso e da quelli dei cantieri spezzini del Muggiano. (ANSA). 16 ottobre ore 10:53

Annunci

Home page

Parlano di noi

Monfalcone, la denuncia
corre sul blog

Il Manifesto, 15 maggio 2008

L'altra Monfalcone scende in piazza
Carta n.21, 6 giugno 2008

Fincantieri, muore operaio,
sciopero generale

L'Unità OnLine, 16 ottobre 2008

Inchieste

La costruzione
della grande nave.

Di Maurizio Pagliassotti

Lavoro Killer.
Di Fabrizio Gatti

Il caso Fincantieri:
giungla d'appalto.

Di Roberto Greco

La peste di Monfalcone.
Di Angelo Ferracuti

Monfalcone:
l'emergenza casa.

Di Giulio Tarlao


Morire di cantiere

Morire di cantiere

Statistiche

  • 221.952 visite
Annunci