You are currently browsing the tag archive for the ‘affitti nero’ tag.

Il Piccolo, 22 novembre 2009
 
Affitti in nero ai trasfertisti, 30 denunciati 
Scoperta nel Monfalconese un’evasione fiscale di 300mila euro da parte di proprietari di case

di DOMENICO DIACO

Non si ferma la lotta della Guardia di finanza contro gli affitti in nero a Monfalcone. La specifica attività svolta, finalizzata al contrasto dell’evasione fiscale nel campo degli immobili destinati ad abitazione ha consentito di scoprire una trentina di situazioni irregolari e di recuperare a tassazione una base imponibile evasa pari a 300 mila euro.
Si tratta di alloggi dati in affitto a trasfertisti, sia cittadini italiani, sia extracomunitari, per lo più bengalesi, occupati in imprese e ditte legate all’appalto della Fincantieri.
L’operazione della Fiamme gialle è stata agevolata dall’implementazione dei processi di analisi informatica e una più efficace utilizzazione delle banche dati a disposizione della Finanza e coniugate e con un esame incrociato delle segnalazioni periodiche che vengono inviate dai competenti uffici della questura di Gorizia, in relazione ai nuovi residenti della provincia con particolare attenzione a quei comuni dove si registra una più alta tensione abitativa, tra cui appunto Monfalcone.
Tale scambio di informazioni ha fornito quindi un base preliminare di informazioni molto utile alla Guardia di fianzna per attivare le successive fasi di investigazione.
Per ogni inquilino segnalato dalla questura del capoluogo isontino è stata verificata l’eventuale disponibilità di immobili di proprietà coincidenti con l’indirizzo di residenza segnalato e la titolarità dei contratti di locazione sottoscritti con i rispettivi proprietari e regolarmente registrati negli uffici giudiziari competenti.
In presenza di un esito negativo dei riscontri preliminari, ai proprietari sono stati inviati appositi questionari al fine di chiarire la natura del diritto legittimante l’effettivo possesso dell’immobile dichiarato quale residenza e verificarne, di conseguenza, il corretto inquadramento dal punto di vista fiscale. Una operazione, questa che viene effettuata dalla fiamme gialle sulla base dei poteri riconosciuti alla stessa Fiananza dall’attuale nornativa fiscale.
Il monitoraggio effettuato ha quindi consentito, quest’anno, di smascherare situazioni illegali portare in luce canoni di locazione percepiti in nero e quindi mai dichiarati ai competenti uffici finanziari in sede di dichiarazione fiscale.
Complessivamente sono state approfondite decine di posizioni riscontrando irregolarità nel 95 per cento dei casi presi in esame.
Prosegue intanto l’attivà della Guardia di finanza in questo campo al fine di recuperare quanto sottratto a tassazione, non soltanto ai fini delle imposte dirette, ma anche dell’Ici (non trattandosi di prima casa) e dell’imposta di registro.

Messaggero Veneto, 26 novembre 2009
 
Alloggi Ater, Rc vuole vederci chiaro 
 
RONCHI. «Esiste una richiesta scritta formulata dall’amministrazione comunale all’Ater di Gorizia nei giorni immediatamente precedenti il 10 ottobre 2009 per conoscere la consistenza e lo stato degli alloggi di edilizia residenziale pubblica nel Comune di Ronchi dei Legionari? Quanti, quali e dove sono collocati gli alloggi di proprietà dell’Ater di Gorizia che risultano attualmente sfitti e inutilizzati nel territorio del Comune di Ronchi dei Legionari e quali sono le motivazioni per la loro mancata assegnazione alle famiglie bisognose?».
La richiesta è rivolta dal consigliere comunale di Rifondazione comunista, Luigi Bon, al sindaco di Ronchi tramite un’interrogazione che sarà presentata durante il consiglio di mercoledì. «Lo scopo dell’intervento – afferma Bon – è anche evidenziare come di fronte a problemi drammatici di vita delle persone si poteva evitare l’insensata e inutile campagna di muratura di un decina di case pubbliche nel rione delle casette Pater; tali abitazioni potevano tornare utili nell’ottica di dare delle risposte concrete e temporanee di alloggio per i senzatetto da parte dell’amministrazione comunale di Ronchi.
Il consigliere ricorda che, secondo una nota dell’Ater di Gorizia, risalente all’aprile 2007, risulterebbe che a Ronchi dei Legionari, su un totale di 302 alloggi di edilizia residenziale pubblica, 21 risultano sfitti: 13 collocati nel quartiere delle casette Pater, gli altri otto in altre vie. Ronchi, inoltre, nonostante il considerevole aumento di residenti (11.437 residenti nel 2003 – 11.519 residenti nel 2004 – 11.743 residenti nel 2005 – 11.813 residenti nel 2006 – 11.939 residenti nel 2007 – 12.043 residenti nel 2008) non è stato inserito nell’elenco dei comuni ad alta tensione abitativa.
Secondo quanto riportato da recenti articoli di cronaca, inoltre, l’assessore alle Politiche sociali, Enrico Masarà, pur avendo chiesto indicazioni all’Ater sul numero di alloggi sfitti, non avrebbe ricevuto risposta «le nostre richieste sono rimaste inevase – ha affermato Masarà –, ovvero l’Ater non ci ha mai messo nelle condizioni di conoscere quella che è la realtà attuale dell’edilizia popolare a Ronchi. Vogliamo avere una fotografia di ciò ci sta attorno per prendere provvedimenti adeguati e, ciò che più conta, per dare risposte alla gente».

Home page

Parlano di noi

Monfalcone, la denuncia
corre sul blog

Il Manifesto, 15 maggio 2008

L'altra Monfalcone scende in piazza
Carta n.21, 6 giugno 2008

Fincantieri, muore operaio,
sciopero generale

L'Unità OnLine, 16 ottobre 2008

Inchieste

La costruzione
della grande nave.

Di Maurizio Pagliassotti

Lavoro Killer.
Di Fabrizio Gatti

Il caso Fincantieri:
giungla d'appalto.

Di Roberto Greco

La peste di Monfalcone.
Di Angelo Ferracuti

Monfalcone:
l'emergenza casa.

Di Giulio Tarlao


Morire di cantiere

Morire di cantiere

Statistiche

  • 227.521 visite