You are currently browsing the tag archive for the ‘società edile isontina’ tag.

Il Piccolo, 04 settembre 2010
 
COMPLETATA IN POCHE ORE LA DEMOLIZIONE DELL’EDIFICIO CHE BLOCCAVA L’OPERA 
Giù il rudere, nasce la galleria Borgo Rosta 
Vie 9 Giugno e Roma unite da un collegamento pedonale di 150 metri. Investimento di 3 milioni

di FABIO MALACREA

I numeri civici 21, 23 e 25 non esistono più in via Roma. Ieri mattina un macchinario da demolizioni si è messo al lavoro e, nel giro di otto ore, ha fatto sparire lo stabile disabitato che ancora bloccava il completamento della futura galleria pedonale tra via 9 Giugno e via Roma.
Una volta rimossi i detriti, l’impresa Sei inizierà gli interventi in muratura del varco pedonale che spunterà, in via Roma, proprio di fronte a un altro rudere, ma in questo caso illustre: la villa, pure disabitata da anni, dove il cantautore Gino Paoli ha vissuto gli anni dell’infanzia a Monfalcone, sua città natale. La demolizione del ”tappo” di via Roma, compresa nel terzo lotto del progetto, in effetti si è fatta attendere. Doveva essere effettuata a metà giugno ma era stata bloccata dalla necessità di alcune verifiche tecniche da parte dell’ufficio tecnico.
I LAVORI. Ma ieri mattina, con l’ok del Comune, l’intervento è partito. L’edificio, in passato sede di un pulisecco e di un negozio di bigiotteria, è stato transennato. Per prima è stata demolita la pensilina frontale. Poi la ruspa ha iniziato a ”graffiare” sul retro, mentre i detriti venivano innaffiati con acqua nebulizzata per evitare che la polvere invadesse l’area circostante. Poco dopo l’una, al posto dell’edificio c’era solo un cumulo di calcinacci da rimuovere, operazione che verrà completata nel giro di un paio di giorni. Sulla realizzazione della galleria pedonale, tra quella ”cieca” già esistente da 16 anni in Borgo Rosta e via Roma, la Sei, Società edile isontina, ha investito circa 3 milioni di euro. Un segnale forte di ripartenza per il settore delle costruzioni in città che vede ancora numerosi grandi cantieri inattivi, tra cui quelli del Parco Rocca e dell’ex Detroit di via Galilei. Si è sbloccato dunque un progetto che attendeva nel cassetto da una decina d’anni.
IL PROGETTO. L’intervento è destinato a trasformare e rilanciare l’intero comprensorio residenziale di Borgo Rosta. Ma anche a ridare fiato a via Roma, una delle strade più penalizzate sul fronte commerciale, e a decongestionare via 9 Giugno, alle prese con un traffico intenso, con il transito dei bus, con una fame non indifferente di parcheggi e con frequenti code e rallentamenti. La nuova galleria avrà una lunghezza di 150 metri. Il complesso edilizio si articolerà su una volumetria totale di quattromila metri cubi. Il pianoterra sarà riservato alla parte commerciale con due spazi di 110 e 65 metri quadrati. Ai livelli superiori è prevista la parte residenziale, con 14 appartamenti di varia metratura, e al piano interrato 15 autorimesse.
Il Piccolo, 04 settembre 2010
 
UNA FORESTERIA E UN RISTORANTE A SERVIZIO DELLE AZIENDE DEL LISERT 
L’ex palazzina Solvay rivivrà come hotel 
L’opera realizzata dal Consorzio industriale con una spesa di due milioni di euro

Entro la fine dell’autunno la zona industriale e portuale del Lisert sarà servita da un nuovo albergo-foresteria, completo di ristorante.
Dopo un percorso non facile, a quattro anni dall’inizio dei lavori, è in via di ultimazione la foresteria che il Consorzio per lo sviluppo industriale di Monfalcone ha voluto realizzare nella palazzina dalla Solvay, allora ancora proprietaria dello stabilimento chimico di via Timavo, ora soppiantato dal sito produttivo di Mangiarotti.
L’intervento era stato avviato nel 2006, venendo rallentato però dalla gran quantità di amianto rinvenuta nell’edificio. La necessià di bonificare e smaltire più amianto di quanto previsto non ha inciso comunque solo sulla tempistica, ma anche sui costi della ristrutturazione. La maggiore spesa è stata però coperta da un contributo di 400mila euro che la giunta regionale ha erogato nel 2007, accogliendo la domanda presentata dall’ente economico. consortile del Monfalconese. Per la trasformazione della palazzina ex Adriaplast il Consorzio aveva stimato fosse necessaria una spesa di 2 milioni di euro in parte soddisfatta da un contributo già  erogato dalla Regione di un milione 391mila euro.
Sul costo complessivo dell’operazione ha inciso non poco il fatto che l’edificio è risultato inoltre vincolato dalla Soprintendenza regionale per i beni architettonici, storici e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia. Impossibile quindi andare alla demolizione e alla seguente ricostruzione della palazzina, di cui invece sono stati mantenute le facciate. Al momento il Consorzio per lo sviluppo industriale del Monfalconese sta procedendo alla sistemazione dell’area esterna e a effettuare alcune ulteriori migliorie con l’obiettivo di vederle concluse entro il prossimo mese di ottobre ottobre per poi procedere all’inaugurazione della struttura entro l’autunno. Contatti per l’utilizzazione della foresteria ci sono già proprio con la dirimpettaia Mangiarotti, che ha in avanzato stato di costruzione il suo stabilimento sulle ceneri dell’Ineos, mentre la vicina costruzione ex Gestimense ristrutturata semopre dall’ente corsortile alcuni anni fa è già impiegata dalla fabbrica chimica Polysistems.
La foresteria ricavata nell’edificio ex Solvay si trova comunque in un’area non solo antistante quella in cui si sta completando lo stabilimento Mangiarotti, ma anche vicina alla via di accesso al futuro terminal traghetti. Una posizione strategica quindi. La palazzina Solvay si trova al confine con il villaggio che la multinazionale della chimica aveva realizzato a Monfalcone nella prima metà del secolo scorso, una mini-zona residenziale nella quale erano state realizzate, nel mezzo di un parco alberato, le ville destinate a ospitare i dirigenti della fabbrica. (la.bl.)

Messaggero Veneto, 14 novembre 2008 
 
Monfalcone. Un ventunenne di Nova Gorica è stato ricoverato a Cattinara per un trauma cranica  
Operaio cade da un ponteggio
 
 
MONFALCONE. È stato ricoverato all’ospedale di Cattinara, Rok Rozich, 21enne, operaio sloveno, residente a Nova Gorica, dipendente della Mucci Lattoneria di Gorizia, coinvolto ieri in un incidente sul lavoro nel cantiere edile dell’ex area Detroit di via Galilei a Monfalcone.
Le sue condizioni non sono fortunatamente gravi: il ragazzo ha riportato un forte trauma cranico cadendo da un ponteggio, da un’altezza di poco più di due metri, caduta la cui cause però dovranno essere determinate con certezza visto che potrebbe essere stata anche la conseguenza di un malore.
L’incidente sul lavoro è avvenuto poco dopo le 10.30 appunto nel cantiere edile di via Galilei seguito dall’impresa Sei, dove si stanno ultimando due delle otto palazzine previste dal progetto realizzato dall’architetto Federico Fabbro. Il giovane Rok avrebbe dovuto passare un lungo tubo di rame, una grondaia di circa 4 metri, a un collega che stava aspettando a un piano superiore.
Non vedendo spuntare il tubo al ponteggio atteso, il collega del 21 ha sollecitato Rok, ma quando ha guardato giù ha visto il giovane operaio disteso a terra, sembra in preda a delle convulsioni. Nessuno avrebbe visto cosa è successo e nessuno, nemmeno il collega vicino, avrebbe sentito alcun urlo o rumore. È per questo che si è fatta strada l’ipotesi che forse Rok sia stato colto da un malore e solo in conseguenza a ciò sia caduto a terra, prima di poter chiedere aiuto.
Sono stati chiesti subito i soccorsi e sul posto sono intervenuti l’autoambulanza del 118 e l’auto medica, ma è stato allertato anche l’elisoccorso che è atterrato sulla vicina pista dell’ospedale di San Polo. I medici hanno stabilizzato la condizioni di Rozich e l’hanno poi portato all’elicottero, che a sua volta l’ha condotto a Cattinara. Nel cantiere di via Galilei sono intervenuti anche i vigili del fuoco e la polizia del commissariato che, assieme ai colleghi della scientifica di Gorizia, ha avviato le indagini per capire l’esatta dimanica dell’incidente.
Una piccola area del cantiere è stata isolata per consentire i rilievi di rito, ma il lavoro nella palazzina è proseguito. Preoccupati per la salute del ragazzo i responsabili della Sei e del cantiere, che hanno evidenziato come solo la scorsa settimana dodici ispettori dell’Ufficio del lavoro hanno effettuato un sopralluogo del cantiere, trovato perfettamente a norma anche rispetto le regole della sicurezza sul lavoro.

Il Piccolo, 14 novembre 2008 
 
INFORTUNIO NEL CANTIERE EDILE DELL’EX AREA DETROIT  
Scivola e cade dall’impalcatura: grave operaio sloveno di 21 anni
 
 
Infortunio, ieri mattina, in un cantiere edile gestito dalla Società edile isontina Spa (Sei) di Monfalcone, in via Galilei, nell’area ex Detroit, nei pressi dell’ospedale di San Polo. Un giovane di Nova Gorica, Rok Rozic, di 21 anni, dipendente dell’azienda Mucci Lattoneria, è caduto da un’impalcatura, all’altezza di circa due metri e mezzo. Il giovane è stato trasferito con l’elisoccorso del 118 all’ospedale triestino di Cattinara. L’operaio, hanno riferito i sanitari, non versa in pericolo di vita. L’incidente è avvenuto verso le 11, all’interno dell’area del cantiere edile dove è in corso la realizzazione di due palazzine, già peraltro vendute, nell’ambito di un più vasto progetto di 8 immobili complessivi.
La ricostruzione esatta dell’evento è affidata alla Polizia del Commissariato di Monfalcone, giunta sul posto, assieme agli uomini della Scientifica. Le scansioni dell’evento sono da chiarire, considerando che al momento dell’ipotizzata caduta dall’impalcatura, non erano presenti testimoni. Secondo quanto è stato riferito dagli stessi responsabili della Sei, capo-commessa del progetto edile per la costruzione di palazzine nell’area in passato occupata dalla Detroit, il giovane dipendente della Mucci Lattoneria, che si occupa dell’installazione delle grondaie nell’ambito dell’intervento in corso nella zona, è stato rinvenuto a terra dagli stessi operai che stavano lavorando all’interno della palazzina e che hanno provveduto a dare subito l’allarme.
L’operaio, è sempre stato ipotizzato dai referenti della Sei, stava probabilmente lavorando sul primo ponteggio dell’impalcatura sistemata attorno all’edificio, e si stava accingendo a passare una grondaia, un tubo di circa 4 metri di lunghezza, a un collega che si trovava al piano superiore. All’improvviso, quest’ultimo non ha più sentito e visto il ragazzo. Una volta raggiunto il pianoterra, gli operai lo hanno trovato a terra, in preda, è stato spiegato, a convulsioni. Resta da stabilire perchè l’operaio abbia perso l’equilibrio, considerando tra le ipotesi anche un possibile malore, come altre eventuali circostanze.
Tempestivi sono stati gli interventi, con l’arrivo dell’equipe di soccorso avanzato del 118 che ha effettuato le prime valutazioni mediche. Considerata la dinamica dell’incidente, ma anche in virtù di un sospetto trauma cranico, il lavoratore è stato elitrasportato all’ospedale di Cattinara. In poco tempo è giunto l’elicottero, atterrato nella piazzola del vicino ospedale di San Polo. Il giovane, apparso in un primo momento in serie condizioni, ha mostrato successivamente segni di ripresa, è stato riferito dagli operatori sanitari. Con ciò facendo pensare a un miglioramento delle sue condizioni.
Il 21enne, hanno aggiunto i sanitari, ha comunque spiegato di non essere affetto da patologie che potrebbero aver provocato la perdita di equilibrio. La dinamica dell’incidente e le cause che lo hanno determinato restano comunque al vaglio degli inquirenti. La Sei rappresenta una delle maggiori aziende edili dell’Isontino. Proprio l’altra settimana, hanno ricordato i responsabili della società, sono giunti in via Galilei gli ispettori deputati al controllo della sicurezza riscontrando la regolarità del cantiere sotto il profilo delle misure di sicurezza. (la.bo.)

Home page

Parlano di noi

Monfalcone, la denuncia
corre sul blog

Il Manifesto, 15 maggio 2008

L'altra Monfalcone scende in piazza
Carta n.21, 6 giugno 2008

Fincantieri, muore operaio,
sciopero generale

L'Unità OnLine, 16 ottobre 2008

Inchieste

La costruzione
della grande nave.

Di Maurizio Pagliassotti

Lavoro Killer.
Di Fabrizio Gatti

Il caso Fincantieri:
giungla d'appalto.

Di Roberto Greco

La peste di Monfalcone.
Di Angelo Ferracuti

Monfalcone:
l'emergenza casa.

Di Giulio Tarlao


Morire di cantiere

Morire di cantiere

Statistiche

  • 227.521 visite